Solo due cose ha in più nanoCAD Pro rispetto a nanoCAD Plus: il disegno parametrico, di cui abbiamo già parlato, e la modellazione 3D.
Quest’ultima è la funzionalità più rilevante, quella che fa veramente la differenza, e che rende nanoCAD Pro un CAD 3D completo.

Comandi di modellazione 3D

Anche con nanoCAD Pro è possibile inserire i comandi da tastiera dalla riga di comando ma dal momento che c’è un’interfaccia grafica è la soluzione meno comoda.
Con l’interfaccia ribbon i comandi sono cliccabili dalla tab Strumenti 3D.

Questa interfaccia è particolarmente immediata perché in un unico nastro posto sopra l’area di disegno sono raggiungibili tutti i comandi principali.

In alternativa c’è l’interfaccia classica, sia usando la barra degli strumenti 3D, sia i menu ed i sottomenu testuali.

Questa è la toolbar 3D:

Questi i menu ed i sottomenu testuali:

 

Come funziona la modellazione 3D

Sono 4 le operazioni principali per la generazione di solidi 3D: estrusione, rivoluzione, sweep e loft.
Tutte partono dalla creazione di uno schizzo planare, cioè da una faccia 2D che genera i modelli 3D.

Schizzo planare

Lo schizzo 2D deve essere una figura chiusa disegnata su un piano.
Esistono 2 modi per creare uno schizzo, con un riferimento al piano e senza vincoli.

Con uno schizzo senza associazione, viene creata un’operazione 3D nel nuovo corpo non fissato.
Dallo schizzo con riferimento al piano del corpo, viene creata un’operazione 3D con un legame con il corpo.

In mancanza di un corpo, lo schizzo planare è senza vincoli.
Basta disegnare una figura (per semplicità disegniamo un rettangolo) sull’area di disegno e lo schizzo sarà riferito al piano X,Y.
Selezionando la figura e cliccando su Aggiungi schizzo planare questa diventerà il primo schizzo 2D, lo schizzo planare da cui partire.

Per visualizzare in modo assonometrico la figura creata risulta particolarmente comodo lo strumento Locator, posizionato in alto a destra sull’area di disegno.
Basta spostare con il mouse il pallino al centro dello strumento per attivare facilmente tutte le viste predefinite.

Lo schizzo può essere editato, può essere incluso un oggetto, aggiunta una proiezione e può essere ridefinito il piano di riferimento.
Quando lo schizzo è definitivo si clicca su Fine definizione schizzo planare e si può procedere con la modellazione.

Estrusione 3D

Partendo da uno schizzo planare si può realizzare un’estrusione definendo una direzione ed una misura.
Attivando il comando Estrudi 3D compare questo riquadro:

Si possono definire la misura e la direzione dell’estrusione, che può essere positiva, negativa o in entrambe le direzioni.

estrusione positiva

estrusione negativa

estrusione in entrambi le direzioni

 

Assegnando al Taper un valore diverso da zero si può determinare un assottigliamento dell’estrusione in modo da realizzare particolari forme in cui la dimensione di partenza della figura originaria è diversa dalla dimensione di arrivo dell’estrusione.

estrusione assottigliata

 

Rivoluzione 3D

Partendo da uno schizzo planare si può realizzare una rivoluzione definendo un’ asse ed un angolo di rotazione.
Occorre realizzare uno schizzo 2D e disegnare una linea che costituisce l’asse di rotazione.
Selezionando il comando Rivololuzione 3D compare il riquadro per gestire l’operazione.

Si decide poi il valore dell’angolo. Nel nostro esempio è 180. Si seleziona il profilo (lo schizzo 2D) e l’asse, ed il risultato è questo:

Anche in questo caso c’è una direzione della rivoluzione che può essere positiva, negativa o in entrambe le direzioni.

rivoluzione negativa

rivoluzione in entrambe le direzioni


Sweep 3D

Sempre partendo da uno schizzo planare si può realizzare uno Sweep 3D secondo un percorso.
Occorre realizzare uno schizzo 2D e disegnare una linea, un arco o una polilinea, che definisce un percorso.
Selezionando il comando Sweep 3D compare il riquadro per gestire l’operazione.

Selezionando poi il profilo e il percorso si ottiene il seguente modello 3D:

Assegnando al Taper un valore diverso da zero (in questo esempio -10) si può determinare un assottigliamento dello sweep in modo da realizzare particolari forme in cui la dimensione di partenza della figura originaria è diversa dalla dimensione di arrivo:

Se invece si vuole mantenere il profilo di sweep parallelo alla faccia 3D originaria, selezionando l’opzione Parallelo si ottiene il seguente risultato:

 

Loft 3D

Un Loft 3D è un’operazione che consente di creare un oggetto 3D attraverso due o più sezioni nello spazio.
Occorre disegnare più sezioni posizionate nello spazio 3D.
Selezionando il comando Loft 3D compare il riquadro per gestire l’operazione.

Selezionando poi di seguito le sezioni si ottiene il seguente risultato:

Si può specificare, disegnandola e selezionandola, anche una traiettoria centrale come percorso che unisce le varie sezioni.

 

Se vuoi approfittare dell’offerta ancora valida per l’acquisto di una licenza di nanoCAD Pro, clicca sul banner qui sotto.


Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!